Pulitori a vapore e vaporetti

Guida acquisti

Una casa pulita e splendente è il sogno di quanti sono dediti alle pulizie casalinghe che, come ben sappiamo, sono un impegno che richiede sforzo e “olio di gomito”.
A meno di dotarsi di un valido alleato, il pulitore a vapore.
Il pulitore a vapore è un piccolo elettrodomestico che serve per pulire e al contempo igienizzare delle superfici e dei tessuti. Disponibile anche nella versione industriale, il pulitore sfrutta l’azione del vapore prodotto così rimuovendo lo sporco dalle superfici, riducendo sia la fatica che il tempo necessario per la pulizia, nonché evitando l’impiego di detergenti chimici.
Se dunque abbiamo deciso di acquistare un pulitore a vapore vediamo quali caratteristiche del prodotto dobbiamo valutare in fase di acquisto per poter dire di aver fatto un buon acquisto. ... Continua a leggere

Come funziona il pulitore a vapore

Il vapore generato raggiunge i 100 gradi centigradi, temperatura alla quale è in grado di sciogliere lo sporco che si è accumulato su pareti e pavimenti, nonché di neutralizzare la polvere.

Come scegliere il pulitore a vapore

Nella scelta del pulitore a vapore dobbiamo tenere in considerazione diverse variabili:

Tipologia

Sul mercato ci sono i modelli con caldaia in pressione e modelli con ricarica automatica. I primi seppur più ingombranti, sono oggi disponibili anche con piccoli serbatoi da 1 litro, quindi molto più maneggevoli rispetto a qualche anno fa. Fra questi modelli è assolutamente da preferire quelli con caldaia in acciaio inox; i modelli con ricarica automatica sono più compatti in quanto sfruttano le resistenze per la produzione di aria calda;

Più modelli in uno

Oltre al solo pulitore, ci sono modelli combinati che aggiungono anche la funzione di aspiratore; così l’elettrodomestico è in grado di svolgere più incombenze domestiche con l’impiego di un solo macchinario;

Accessori

Oltre alla caratteristiche del modello in sé, occorre anche valutare gli accessori di cui è dotato. Un tubo lungo e flessibile, la presenza di bocchettoni dalle diverse forme sono caratteristiche che donano all’elettrodomestico un plus rispetto ai modelli concorrenti; fra questi, le spazzole rivestono un ruolo particolare: la loro presenza infatti permette di impiegare il pulitore di vapore anche per tappeti e tende, rendendo l’elettrodomestico ancora più versatile;

Regolazione di pressione

La pressione, misurata in bar, può essere regolata e quanto più sarà preciso e affidabile il sistema quanto più il pulitore potrà essere impiegato in molteplici usi;

Robustezza

Naturalmente, il modello scelto deve essere di buona fattura e garantire resistenza all’impiego per cui lo intendiamo adoperare;

Maneggevolezza

Tutti i dispositivi disponibili sono piuttosto compatti e dai ridotti ingombri, tuttavia dobbiamo valutarne la maneggevolezza rispetto alle nostre esigenze e alla nostra corporatura fisica;

Parametri di sicurezza

Per sfruttare in tutta tranquillità l’elettrodomestico dobbiamo naturalmente informarci della presenza di manometri e spie che segnalino l’assenza di acqua nel serbatoio, così come il dispositivo che impedisce l’apertura del tappo qualora ci sia ancora della pressione nella caldaia.

Quali vantaggi comporta l’impiego di un pulitore a vapore

Se decidiamo di acquistare un pulitore a vapore, fruiremo di molti vantaggi, fra cui:

  • una mano all’ambiente: l’assenza di detergenti chimici impiegati riduce i livelli di inquinamento indoor, nonché permette di ridurre l’emissione di agenti inquinanti nell’ambiente tramite le falde acquifere;
  • riduczione dello sforzo: chi deve pulire superfici, come pavimenti o piastrelle, sa quanto possa essere faticoso; contare sulla forza sgrassante del vapore permette di ridurre lo sforzo richiesto per una pulizia in profondità;
  • ottimizzazione dei tempi: il pulitore a vapore permette di far risparmiare tempo rispetto alle pulizie tradizionali con secchio e straccio;
  • igienizzazione migliore: l’azione del vapore determina oltre che la pulizia delle superficie anche l’igienizzazione delle stesse;
  • economicità: oltre al costo iniziale per l’acquisto dell’elettrodomestico, non ci sono ulteriori spese da sostenere, se non il consumo di energia elettrica; i costi di detergenti e acqua, nonché di strumenti di pulizia sono quindi eliminati dal budget familiare;
  • pulitura dei punti più difficili: i pulitori a vapore hanno anche il vantaggio di raggiungere angoli nascosti e difficili da pulire con i metodi tradizionali: lampadari, mensole alte, sotto i letti o sopra gli armadi sono solo alcune delle zone impervie da raggiungere con straccio e scopa, mentre divengono facilmente accessibili con questo elettrodomestico.

Pulitori a vapore: quali svantaggi?

Il pulitore a vapore è un elettrodomestico e come tale consuma corrente elettrica: per evitare che da acquisto virtuoso ed eco sostenibile si trasformi in un “cannibale” di consumo, è bene scegliere oculatamente e molto attentamente quelli che si presentano con le migliori caratteristiche, sotto questo punto di vista. Sarebbe, infatti, un controsenso acquistare un prodotto in virtù delle sue propagandate virtù ecologiche per poi vanificare il tutto con esosi e ingiustificati consumi elettrici.

Inoltre, bisogna considerare la presenza di prese di corrente nelle vicinanze delle superfici da pulire: se contiamo di pulire un tendaggio e la presa di corrente è posta dall’altra parte della stanza, dobbiamo considerare l’acquisto di una prolunga o, altrimenti, smontare la tenda e porla nelle vicinanze della presa.

Non di meno, conviene sempre dare un’occhiata al sistema di sicurezza: l’accesso al motore e ai meccanismi elettrici deve essere impossibile, quando l’apparecchio è in funzione. Quella che può sembrare una banale avvertenza può divenire fondamentale e imprescindibile quando si hanno bambini piccoli per casa: il rischio potrebbe essere un accesso indesiderato al sistema di alimentazione, mentre stiamo pulendo, con catastrofiche conseguenze.

Infine, come tutti gli elettrodomestici ha un suo – seppur ridotto – ingombro: quando non lo utilizziamo, dovremo avere del sufficiente spazio all’interno dell’abitazione dove riporlo. Sarà inutile metterlo in cantina o in soffitta: l’idea di andare a prenderlo ogni volta sarebbe così poco invitante da rimanere inutilizzato nel suo ripostiglio.

Conclusioni e consigli per gli acquisti

Il pulitore a vapore è un elettrodomestico molto utile ed efficace per pulire in maniera ecosostenibile la casa e i tessuti; un uso costante ci permetterà di risparmiare fatica e anche qualche euro per i detergenti: per far sì che divenga il migliore alleato nelle nostre pulizie, dobbiamo fare attenzione ai livelli di sicurezza garantiti, al consumo di energia e al design e peso dell’elettrodomestico che meglio rispondono alle nostre esigenze. - Riduci

Domande e consigli

Hai bisogno di un consiglio? Scrivi la domanda nel Forum, ti risponderemo il prima possibile!

 
 
 
 

Trova Prezzi e Offerte dei negozi

Filtri Ricerca

  • Ordina per:
  • Cerca tra i Risultati:
  • Restringi il Prezzo:
  • Scegli la Marca:
Loading...

Risultati: 0 offerte di pulitori a vapore e vaporetti


    Ops! hai specificato dei filtri (prezzo o marca) troppo restrittivi.

    Filtra risultati
    Torna su